Asimov Project #1.0

image

 

 

Il

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il progetto ha debuttato il 19 e il 20 ottobre 2016, alle ore 21, presso il Teatro Moruzzi di Noceto. La pièce, quattro episodi liberamente tratti dai racconti di I. Asimov, vede in scena in scena gli attori Rocco Antonio Buccarello, Clelia Cicero, Fabrizio Croci e Noa Zatta. La regia degli episodi è affidata a Bruno Secchi e Simonetta Checchia, autrice della drammaturgia. I due da sempre si sono cimentati nell’indagare il rapporto tra mondo tecnico e mondo umano, e affrontare un autore di questo calibro costituisce una sfida stimolante per il duo. La tecnica  e la scenografia sono ad opera di Bruno Secchi, i costumi di Amelia Barone, i video sono stati realizzati da Noa Zatta. La compagnia ha potuto contare sul prezioso aiuto di Cinzia Pollastri in qualità di proiezionista e di Andrea Ronchini in qualità di assistente si palco.

I quattro episodi (Luciscultura, Sogni di Robot, Il Segregazionista e Playboy e il dio limaccioso) intendono essere uno spunto di riflessione in un’era sempre più digitalizzata, dove il rapporto uomo-macchina si fa sempre più stretto, e il rapporto tra gli uomini sempre meno, alimentato dalla paura del diverso e del confronto. Spesso in questi racconti è proprio la macchina il “diverso”, ed è stupefacente notare come questa diversità possa arrivare ad assumere un valore emblematico, estendibile ad ogni tipo di paura nei confronti dell’altro da sé. Non mancano nemmeno gli spunti per sorridere, come nel racconto finale, una vera e propria satira sul rapporto uomo-donna.

 

Facebook: Asimov Project

Rassegna Stampa

19/10/2016 – Teatro Moruzzi, Noceto (PR) – Foto di scena a cura di Lela Morris

 

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: